Krummenacher e Garzò in MotoE con Intact GP nel 2023

Krummenacher e Garzò in MotoE con Intact GP nel 2023
Hector Garzò e Randy Krummenacher insieme in MotoE con Dynavolt Intact GP nel 2023
Hector Garzò e Randy Krummenacher insieme in MotoE con Dynavolt Intact GP nel 2023

Randy Krummenacher e Hector Garzò con Dynavolt Intact GP nel Campionato del Mondo MotoE 2023. La squadra tedesca ha scelto il pilota svizzero e lo spagnolo per difendere il titolo vinto nella stagione 2022 del mondiale delle moto elettriche.

Randy Krummenacher e Hector Garzò sono i piloti del team Dynavolt Intact GP per il Campionato del Mondo MotoE 2023. Dalla prossima stagione, la MotoE diventerà un Campionato del Mondo con sedici gare su otto circuiti europei, con la pista francese di Le Mans come sede della prima gara. Ducati sarà il fornitore ufficiale di tutte le moto elettriche, sostituendo il marchio italiano Energica. Inoltre, per la prima volta, il team Dynavolt Intact GP schiererà due piloti, dopo che per quattro anni ha portato in pista una sola moto. Poche settimane dopo che lo svizzero Dominique Aegerter aveva vinto la MotoE 2022 con dieci podi in dodici gare, il team di Memmingen, che aveva schierato fin qui esclusivamente piloti svizzeri nei suoi primi quattro anni, accoglie un altro svizzero tra le sue fila: Randy Krummenacher.
Jesko Raffin è stato il primo pilota del team tedesco a guidare la Energica Ego Corsa, nel 2019, anno di debutto del campionato. L’anno successivo è stato il turno di Dominique Aegerter, che ha disputato tre stagion, dal 2020 al 2022, concludendo rispettivament al 3°, 2° e 1° posto. Ora è il turno di Randy Krummenacher, 32enne pilota svizzero, che si metterà alla guida della nuovissima V21L di Ducati.

“Krummi”, come tutti chiamano il pilota di Zurigo, ha iniziato la sua carriera nella ADAC Junior Cup tedesca con l’Aprilia 125 a due tempi, per poi passare al Campionato del Mondo 125cc con la Red Bull-KTM e ottenere il suo primo podio in un Gran Premio a Barcellona nel 2007 con la P3. È stato anche un regolare protagonista del Campionato del Mondo Moto2, ma ha abbandonato la categoria dopo cinque anni, per poi vincere il Campionato del Mondo Supersport nel 2019 con la Yamaha.
A lui si affiancherà il ventiquattrenne spagnolo Hector Garzò, che è stato un temuto avversario della squadra tedesca nel primo anno della MotoE. Garzò, a differenza di Krummenacher, ha già esperienza in MotoE, ma il passaggio da Energica a Ducati sarà una novità anche per lui. Negli ultimi anni, il pilota nato a Valencia ha ripetutamente attirato l’attenzione su di sè. Nel 2017 e nel 2018 ha corso per il team Tech3 Racing in Moto2, prima di gareggiare per la stessa squadra in MotoE nel 2019. L’anno successivo è tornato alla Moto2, dove ha gareggiato per Flexbox HP 40 per due stagioni, registrando il momento più importante della sua carriera con la P2 alla penultima gara del 2020 nella sua città natale, Valencia. Nel 2022, il suo percorso lo ha portato di nuovo a Tech 3 E-Racing in MotoE, dove ha concluso la stagione all’ottavo posto in classifica generale.

Randy Krummenacher in MotoE con Dynavolt Intact GP nel 2023
Randy Krummenacher in MotoE con Dynavolt Intact GP nel 2023

Randy Krummenacher (Dynavolt Intact GP Team)
“Conoscevo già Jürgen Lingg (il team manager della squadra) dai tempi della 125 e quando ho letto che la Ducati avrebbe fornito le moto a partire dal 2023, la cosa mi è piaciuta molto. Avevo sempre seguito la MotoE negli anni precedenti, ma a mio parere mancava ancora la spinta finale. Il team Intact GP era alla ricerca di due piloti veloci, ed è per questo che ho contattato la squadra. Entrambe siamo stati subito molto interessati a lavorare insieme, e così ci siamo incontrati. Ho avuto subito fiducia in Jürgen e nel suo team, dopo tutto hanno vinto il campionato MotoE con Dominique Aegerter poche settimane fa. Vorrei anche cogliere l’occasione per ringraziarlo per la fiducia che mi ha dimostrato e sono felice che vogliano affrontare questo progetto con me. L’obiettivo è vincere, anche se non ho ancora disputato una gara in questa categoria. Tuttavia, sono un pilota professionista da 15 anni e il fatto che nel 2023 partiremo tutti con una moto sconosciuta non mi crea alcuno svantaggio. Non vedo l’ora di iniziare e di fare i primi test. Fino ad allora, mi terrò in forma con un allenamento intensivo. Un grande ringraziamento a tutti, non vedo l’ora di affrontare presto questo grande progetto”.

Hector Garzò (Dynavolt Intact GP Team)
“Sono felice di entrare a far parte di Intact GP, la squadra vincitrice della MotoE, e di iniziare la prima stagione in sella alla Ducati. Il mio obiettivo è quello di lavorare sodo con tutta la squadra Intact GP. Vedremo se riusciremo ad arrivare in cima e a raggiungere i risultati che ci siamo prefissati. Naturalmente, spero di essere uno dei contendenti al titolo nel Campionato del Mondo MotoE 2023, quindi non vedo l’ora di iniziare e sto già contando i giorni che mancano ai test pre-stagionali e all’inizio della stagione”.

Hector Garzò in MotoE con Dynavolt Intact GP nel 2023
Hector Garzò in MotoE con Dynavolt Intact GP nel 2023

Jürgen Lingg (Dynavolt Intact GP Team Manager)
“Dopo la vittoria del titolo da parte di Domi, le scarpe da riempire erano ovviamente grandi, ma sono davvero felice di poter rafforzare doppiamente la nostra squadra con Randy Krummenacher e Hector Garzò. Sono sicuro che loro due saranno un’ottima combinazione. Randy ha molta esperienza, è già stato campione del mondo e ha dimostrato di saper gestire bene le moto di grossa cilindrata in Supersport e Superbike. Ma è anche un ragazzo eccezionale in termini di personalità ed etica del lavoro, e si inserirà molto bene nella nostra struttura. Dobbiamo e vogliamo dargli tempo, soprattutto perché noi stessi non sappiamo ancora cosa ci aspetta con il nuovo progetto Ducati. Ma sono convinto che sarà una storia emozionante.
Hector non ha avuto un periodo facile, ma ha dimostrato più volte di cosa è capace in MotoE ed è anche salito sul podio in Moto2 una volta a Valencia. Raggiungere questo risultato nel Campionato del Mondo dimostra il suo calibro, ed è anche molto motivato a migliorare le sue vecchie prestazioni. Da parte nostra, faremo di tutto per farlo sentire a suo agio e per fargli acquisire fiducia.
Insieme stiamo iniziando la nuova era di questa categoria ancora giovane, il che significa che lo sviluppo sta procedendo rapidamente. La moto sarà molto più leggera, ha più potenza, e anche il telaio sembra funzionare bene, come abbiamo sentito dopo il primo test di Misano. Credo che sia stato fatto un passo avanti nella giusta direzione e sarà sicuramente una grande sfida per tutti i partecipanti. Sarà interessante vedere come tutti si adatteranno alla nuova moto, soprattutto i veterani, anche se è difficile fare un pronostico perché questa categoria è molto diversa e sempre in grado di riservare sorprese”.

MotoE World Championship
Il Calendario della MotoE 2023

Per essere aggiornato sulla MotoE World Championship, iscriviti al broadcast Whatsapp di Epaddock e ricevi gratuitamente sul tuo cellulare in tempo reale tutte le nostre notizie: scopri qui come.

EnglishItalianSpanishIndonesian