La Ducati MotoE

La MotoE di Ducati

Infografica della Ducati MotoE
La scheda tecnica della MotoE di Ducati

La sigla “V21L” in Ducati identifica la prima moto elettrica che gareggerà nella FIM MotoE World Cup a partire dal 2023. La Casa motociclistica bolognese sarà fornitore unico della classe elettrica della MotoGP con 18 moto in pista nel corso di ogni weekend di gara. In questa sezione di Epaddock approfondiamo i vari aspetti della Ducati MotoE.

Il 21 ottobre 2021, Ducati ha annunciato che sarebbe diventata il fornitore unico della MotoE World Cup, la classe elettrica della MotoGP, a partire dal 2023. L’accordo siglato con Dorna Sports, organizzatore e promotore del campionato del mondo MotoGP di cui la MotoE fa parte, ha la durata di quattro anni, fino al 2026.
Si tratta di un passo storico per la Casa motociclistica di Borgo Panigale che, seguendo la sua consuetudine di utilizzare le competizioni come laboratorio per tecnologie e soluzioni che poi diventano realtà per tutti i motociclisti, entra nel mondo dell’elettrico partendo dall’ambito più sportivo, quello della classe elettrica del Campionato del Mondo MotoGP.

Ducati MotoE il team di progetto
Roberto Canè, eMobility Director Ducati con il team di progetto della MotoE (Foto: Ducati)

La Ducati MotoE è frutto del lavoro congiunto del team Ducati Corse e dei progettisti dell’R&D Ducati, guidati da Roberto Canè, eMobility Director Ducati.
Le sfide più importanti nello sviluppo di una moto elettrica da competizione rimangono relative alla dimensione, al peso e all’autonomia delle batterie. L’obiettivo dichiarato da Ducati è quello di mettere a disposizione di tutti i partecipanti della MotoE World Cup moto elettriche che siano altamente performanti e si caratterizzino per la loro leggerezza. Focus dichiarati del progetto sono, oltre alle prestazioni, il contenimento del peso e la costanza di erogazione della potenza nel corso della gara, ottenuta anche grazie all’attenzione nello sviluppo di un sistema di raffreddamento adeguato all’obiettivo.

Ducati MotoE Electric
La Ducati MotoE per la World Cup 2023 (Foto: Ducati)

Le caratteristiche tecniche del prototipo V21L

Il lavoro del team Ducati MotoE ha portato alla nascita di una moto elettrica dalle soluzioni tecniche uniche. A partire dal pacco batteria, l’elemento più vincolante per masse e ingombri, che sulla Ducati MotoE è caratterizzato da una sagoma specificatamente pensata per seguire il naturale andamento della zona centrale della moto. Il pacco batteria pesa 110 kg e offre una capacità di 18 kWh con presa di ricarica da 20 kW integrata nel codone. Al suo interno trovano posto 1.152 celle di forma cilindrica del tipo “21700”.
La Ducati MotoE ha un peso totale di 225 kg (12 kg in meno rispetto ai requisiti minimi formulati da Dorna e FIM) e conta su valori di potenza e coppia massime rispettivamente di 110 kW (150 CV) e 140 Nm, che al Mugello le hanno consentito di raggiungere una velocità massima di 275 km/h.

Ducati MotoE World Cup
La Ducati MotoE per la World Cup 2023 (Foto: Ducati)

L’inverter (l’elemento che trasforma la corrente elettrica continua della batteria in corrente elettrica alternata che alimenta il motore), pesa 5 kg ed è un’unità derivata da un modello ad alte prestazioni impiegato nelle competizioni automobilistiche per veicoli elettrici, mentre il motore (21 kg di peso e un regime di rotazione massimo di 18.000 giri) è stato sviluppato da un partner seguendo le specifiche tecniche fornite da Ducati. L’intero sistema si basa su una tensione di 800V (a pacco batteria completamente carico) per massimizzare il rendimento del powertrain elettrico e, di conseguenza, le prestazioni e l’autonomia.
Una delle soluzioni tecniche più avanzate sperimentate sul prototipo Ducati MotoE riguarda il sistema di raffreddamento. I componenti del prototipo sono raffreddati infatti da un sistema a liquido con un doppio circuito studiato per rispondere alle differenti esigenze termiche del pacco batteria e del gruppo motore/inverter. Ciò garantisce un’estrema regolarità delle temperature con benefici importanti in termini di costanza delle prestazioni ma anche delle tempistiche di ricarica. Non è infatti necessario attendere che il pacco batteria si raffreddi per poter iniziare il processo: la Ducati MotoE può essere caricata quasi contestualmente al suo ingresso al box e per ricaricarla fino all’80% della sua autonomia sono necessari circa 45 minuti.

Ducati MotoE Batteria e motore elettrico
Il motore elettrico e parte della batteria della MotoE di Ducati (Foto: Ducati)

L’involucro del pacco batteria è realizzato in fibra di carbonio e svolge anche la funzione di parte stressata della ciclistica, analogamente a quanto avviene per il motore della Ducati Panigale V4, con un telaio monoscocca Front Frame in alluminio per la zona anteriore dal peso di 3,7 kg. Il retrotreno è composto da un forcellone in alluminio dal peso di 4,8 kg con geometria molto simile a quella della Ducati Desmosedici impegnata in MotoGP. Il telaietto posteriore, che integra codino e sella pilota, è realizzato in fibra di carbonio.
Il comparto sospensioni prevede all’avantreno una forcella pressurizzata Öhlins NPX 25/30 con steli rovesciati dal diametro di 43 mm derivata dal componente in uso sulla Superleggera V4, mentre al retrotreno è presente un ammortizzatore Öhlins TTX36 completamente regolabile. L’ammortizzatore di sterzo è un’unità Öhlins regolabile.
L’impianto frenante è fornito da Brembo ed è dimensionato per le richieste specifiche della Ducati MotoE. È composto all’avantreno da da un doppio disco in acciaio da 338.5 mm di diametro dallo spessore maggiorato, il quale presenta alettature sul diametro interno al fine di aumentare la superficie di scambio termico e migliorare il raffreddamento del disco in condizioni di uso estremo su pista. Questo doppio disco in acciaio è accoppiato a due pinze GP4RR M4 32/36 con pompa radiale PR19/18. Al retrotreno la pinza P34 agisce su un’unità a disco singolo da 220 mm di diametro e 5 mm di spessore con una pompa PS13. Per azionare il freno posteriore è possibile utilizzare anche un comando posizionato sul manubrio di sinistra, una feature di cui i team partecipanti al Mondiale potranno scegliere di dotarsi.

Alex De Angelis in pista con la Ducati MotoE
Alex De Angelis in pista con la Ducati MotoE (foto: Ducati)

Il processo di sviluppo della Ducati MotoE ha coinvolto anche il test team di Ducati Corse guidato da Marco Palmerini, che ha lavorato in pista applicando le stesse metodologie utilizzate in MotoGP, grazie anche al supporto dei piloti Michele Pirro, Alex De Angelis e Chaz Davies. In particolare, attraverso il lavoro sull’elettronica si è puntato a ottenere una risposta dell’acceleratore analoga a quella di un’unità endotermica e una risposta dei controlli elettronici (come ad esempio Ducati Traction Control, Ducati Slide Control, Ducati Wheelie Control e gestione mappe acceleratore/freno motore) sostanzialmente indistinguibile da quella delle moto da corsa a cui i piloti Ducati sono abituati.
Il piano di lavoro del progetto Ducati MotoE è già giunto ad uno stadio avanzato di sviluppo e procederà verso il 2023, anno nel quale Ducati assumerà il ruolo di fornitore unico del FIM Enel MotoE World Cup con 18 moto in pista. L’obiettivo successivo per la Casa di Borgo Panigale sarà quello di sfruttare la partecipazione alla più importante competizione mondiale di moto elettriche per sperimentare nuove tecnologie, formare competenze inedite e studiare come realizzare, non appena la tecnologia lo permetterà, un veicolo elettrico Ducati che sia sportivo, leggero, emozionante e in grado di soddisfare tutti gli appassionati.

Ducati MotoE
Le sospensioni per la MotoE di Ducati
(disponibile a breve)

Nella sezione Tecnica potete trovate le basi di funzionamento di una moto elettrica e approfondimenti su vari temi tra cui il motore e la batteria.

Foto e video: Ducati

MotoE a Le Mans: gli orari TV e streaming

MotoE World Cup 2022
La classifica del campionato

Per essere aggiornato sulla MotoE World Cup, iscriviti al broadcast Whatsapp di Epaddock e ricevi sul tuo cellulare in tempo reale tutte le nostre notizie: scopri qui come.

EnglishItalianSpanishIndonesian