MotoGP e MotoE: il futuro ecosostenibile del motociclismo

MotoGP e MotoE: il futuro ecosostenibile del motociclismo
La MotoE è la classe 100% elettrica della MotoGP

La MotoGP annuncia ufficialmente la sua transizione verso combustibili di origine non fossile per promuovere l’ecosostenibilità del motociclismo e la riduzione dei gas serra. L’obiettivo è ambizioso: a partire dal 2027 tutte e tre le classi della MotoGP con motori a combustione interna useranno carburanti al 100% di origine non fossile.

Questo importante passo delle competizioni motociclistiche verso l’ecosostenibilità si unisce ad un’altra iniziativa, partita nel 2018: la MotoE World Cup.
Entrambi i progetti, la MotoE e gli E-Fuel, sono le risposte alla necessità di uscire dall’attuale scenario in cui la quasi totalità dei mezzi a due ruote è alimentata da combustibili fossili.
Nel passato, il mondo si è affidato ai combustibili fossili per molte delle sue attività; in particolare per quanto riguarda la mobilità che per il 100% si è basata su questo tipo di combustibili.
Lo scenario che avremo nel prossimo decennio sarà radicalmente diverso, con i combustibili fossili che verranno sostituiti da diverse tecnologie.
La mobilità urbana e a medio raggio opterà per la propulsione elettrica, l’aviazione sui combustibili sintetici, il trasporto merci su terra e navale ricorrerà sia all’energia elettrica che ai combustibili sintetici e all’idrogeno usando l’LNG come fonte energetica di transizione.

La MotoGP passerà ai carburanti 100% non fossili dal 2027

Le MotoGP, con motori a combustione interna e carburanti ecosostenibili, e la MotoE, con motori elettrici a batteria, saranno le due punte di diamante del motociclismo sportivo. Entrambe rappresenteranno un laboratorio essenziale in cui portare al limite le tecnologie che le persone useranno su strada.
L’anno decisivo diventa così il 2027. Con il 2026 finiranno infatti l’attuale contratto di 5 anni che fissa il regolamento della MotoGP (2022-2026) e l’accordo con cui Ducati è diventato fornitore unico della MotoE (2023-2026). Il 2027 si annuncia così un anno ricco di sorprese e novità per il motociclismo.

Qui il comunicato stampa di Dorna: “MotoGP™: racing towards the fuel of the future”
“Il FIM Grand Prix World Championship, MotoGP™, è una piattaforma globale con il potere di guidare l’evoluzione sia nel settore delle moto che in quello della mobilità. Con una posizione unica come uno degli sport più popolari e tecnologicamente avanzati del mondo, il campionato MotoGP™ è un “laboratorio” di corse alimentato da innovazione e sviluppo.
Le vendite globali di motociclette ammontano a 60 milioni di unità all’anno e il trasporto su due ruote è una necessità per una parte enorme della popolazione, con oltre due miliardi di motociclette sulle strade del mondo. In molte nazioni i veicoli a due ruote guidano la società. Essendo i veicoli a motore più sostenibili, il trasporto a due ruote ha un ruolo vitale nella ricerca di una mobilità più pulita, più sicura e più ecologica, con il potere di dare un incredibile contributo alla necessità del mondo di ridurre le emissioni di carbonio, aumentare la sostenibilità e combattere il cambiamento climatico.
Lavorando con i costruttori della MotoGP™, lo sport ha fissato nuovi obiettivi per una maggiore sostenibilità:
entro il 2024, il carburante in tutte le classi del MotoGP™ sarà di almeno il 40% di origine non fossile
entro il 2027, il carburante in tutte le classi MotoGP™ sarà al 100% di origine non fossile”

Per la gioia di molti appassionati, la MotoGP continuerà a fare molto rumore ancora per molti anni

“La MotoGP™ è la piattaforma in cui questi carburanti continueranno a essere sviluppati e testati, con ogni costruttore della classe regina che lavora con il suo fornitore per sviluppare il proprio carburante. Lo sviluppo di più carburanti garantirà che la tecnologia e le conoscenze raggiungano le moto dei consumatori e le pompe di benzina sulla strada. Questo creerà una selezione senza rivali di carburanti drop-in praticabili e sostenibili sviluppati da alcuni dei più importanti attori energetici globale e testati dal più alto livello di prototipi a due ruote del mondo. Senza un unico fornitore, l’iniziativa garantisce un impatto globale senza precedenti.
Questi carburanti del futuro saranno in grado di essere utilizzati in un motore a combustione interna standard e saranno creati in laboratorio, utilizzando componenti provenienti da un ciclo a cattura del carbonio, o derivati dai rifiuti urbani o dalla biomassa non alimentare, ottenendo così risparmi significativi nelle emissioni di gas serra rispetto alla benzina di origine fossile. Inoltre, i fornitori di carburante introdurranno progressivamente l’uso di energia rinnovabile nella produzione del loro carburante.
Le classi Moto2™ e Moto3™ continueranno a essere fornite da un unico fornitore di carburante e introdurranno anche un carburante parzialmente sostenibile nel 2024. Entrambe le classi passeranno al 100% di carburante sostenibile nel 2027, insieme alla classe MotoGP™.
La FIM, IRTA, MSMA, Dorna e tutte le parti interessate sono impegnate a creare uno sport e un futuro più sostenibile, dalla progettazione di una maggiore sostenibilità in pista alla valutazione e riduzione dell’impronta di carbonio di ogni singolo evento e aspetto dello sport con soluzioni innovative.
MotoGP™ sta correndo insieme per alimentare l’innovazione mondiale, creando e riflettendo un cambiamento positivo”.

Jorge Viegas, presidente FIM
“Sono davvero orgoglioso di questo annuncio, dopo molti mesi e persino anni di trattative con le compagnie petrolifere e i produttori, abbiamo raggiunto un accordo. Questo permetterà alla MotoGP di essere il leader in questa vera rivoluzione per la sostenibilità.
Vogliamo davvero mostrare a tutti i produttori di moto che è possibile avere il divertimento che piace a tutti noi, ma con carburanti sostenibili. Speriamo entro il 2027 di avere carburanti completamente privi di carbonio nelle nostre competizioni, aprendo la strada e dimostrando che, anche se le corse sono una piccola parte delle emissioni, dobbiamo essere i leader di questo cambiamento; mostrare la strada. Grazie a tutte le parti interessate per i negoziati, finalmente ora possiamo dare la buona notizia”.

Carmelo Ezpeleta, CEO Dorna Sports
“Siamo molto orgogliosi di annunciare questa nuova incredibile impresa e vorremmo ringraziare la FIM, MSMA, IRTA, i nostri produttori e fornitori di carburante per il loro inequivocabile sostegno in questo passo avanti verso un mondo più sostenibile. Correndo insieme, la MotoGP sarà una forza trainante per il cambiamento globale e una maggiore sostenibilità.
Le moto sono una risorsa vitale per la società, rendendo i veicoli a due ruote una parte cruciale della soluzione. I carburanti sostenibili sono la chiave per creare un percorso raggiungibile e praticabile verso un mondo più ecologico, con un impatto su miliardi di persone, e con un numero di diversi produttori di carburante impegnati in questo sforzo, l’impatto globale è garantito. Grazie a tutte le parti coinvolte nel rendere questo possibile”.

Per essere aggiornato sulla MotoE World Cup, iscriviti al broadcast Whatsapp di Epaddock e ricevi sul tuo cellulare in tempo reale tutte le nostre notizie: scopri qui come.

EnglishItalianSpanishIndonesian