Livia Cevolini, l'energia della passione per le corse

Livia Cevolini, l'energia della passione per le corse
Livia Cevolini, CEO di Energica Motor Company
Livia Cevolini, CEO di Energica Motor Company

Nel weekend di Misano si svolgeranno le gare numero 31 e 32 della MotoE World Cup. Livia Cevolini, amministratore delegato di Energica Motor Company, ha condiviso i suoi pensieri, le sue opinioni, la sua passione e i suoi desideri prima di quello che sarà il weekend decisivo per assegnare il titolo della stagione 2022. Sarà anche la fine del primo e importante capitolo del campionato, quello in cui Energica è stato fornitore unico per la MotoE.

Questa intervista è stata rilasciata da Livia Cevolini a Tammy Gorali, dell’emittente televisiva Sport5, che ha autorizzato la pubblicazione in versione integrale su Epaddock.

“È una combinazione di molte emozioni diverse, da un lato è la fine di qualcosa di molto importante per la nostra azienda, un percorso pieno di sfide, di gioie e di momenti complessi che abbiamo affrontato con caparbietà e coscienza delle nostre possibilità, superando qualsiasi difficoltà e ostacolo. Siamo molto orgogliosi e fieri di quello che abbiamo fatto finora”, dice Cevolini quando le viene chiesto come si sente in vista della conclusione di questo capitolo importantissimo durato quattro stagioni.
“Da questo punto di vista è triste perché è stato un capitolo molto importante e molto strategico della nostra vita, della nostra storia. Dall’altro lato era davvero il momento di passare a qualcosa di nuovo, era il momento per noi di andare avanti e fare qualcosa di diverso.
Questo mondo, il mondo delle corse, ha una grande parte nel mio cuore. Il mio cuore appartiene a questo mondo, quindi spero di tornarci prima o poi, ma in un modo diverso perchè quello che c’è ora è già stato fatto. Noi siamo quelli che creano sempre qualcosa di nuovo, lo abbiamo fatto e ora dobbiamo tornare a farlo. Siamo felici di andare avanti perché siamo piccoli, non possiamo fare tutto, dobbiamo scegliere e ora siamo in grado di scegliere una strada diversa che altrimenti non avremmo potuto percorrere”.
Livia Cevolini parla liberamente. Sa di cosa sta parlando, trasmette sicurezza nella voce, conoscenza ma non sembra accondiscendente o distaccata. Sta guidando un movimento grazie a quello che fa come CEO di Energica, unendo le sue passioni, ed è una gioia parlare con lei e ascoltare i suoi punti di vista, perché sa essere critica, ma non sprezzante, vede tutto ciò che deve essere migliorato, ma non si lascia sfuggire ciò che viene fatto o gli sforzi degli altri coinvolti.

La Ego Corsa, la MotoE di Energica Motor Company
La Ego Corsa, la MotoE di Energica Motor Company

La quarta stagione sta per concludersi, ma da quanti anni in totale avete lavorato a questo progetto?
“Non tanti, perché quando abbiamo iniziato, quando siamo stati contattati nel 2017, non eravamo sicuri di iniziare, quindi non abbiamo lavorato sulla moto immediatamente, ma dal 2018, forse addirittura da metà di quell’anno. Si trattava di creare una moto corsa, ma a partire dalle nostre moto da strada; quindi ovviamente abbiamo fatto molto sviluppo e ricerca, ma era sempre legata ai prodotti in produzione per le nostre moto da strada. Quindi non c’è voluto molto tempo, ma non siamo partiti da zero, bensì da un prodotto molto valido che era già in circolazione da diversi anni. Possiamo dire che è stato più facile che partire da zero”.

Guardando indietro, qual è stata la maggiore difficoltà che avete dovuto affrontare durante il progetto?
“All’inizio c’è stato davvero tanto lavoro da fare perché le richieste di Dorna erano elevate. Non si può mai sapere se si è totalmente in grado di raggiungere l’obiettivo se non si accetta la sfida e noi abbiamo deciso di farlo. I tempi erano stretti, ma con il lavoro di tutti siamo riusciti a fornire un pacchetto competitivo, anche e soprattutto grazie al lavoro fatto con le moto da strada nei precedenti anni e la nostra esperienza pregressa nel racing. Un anno per poterci lavorare e senza riferimenti di altri costruttori ha reso il tutto ancora più impegnativo, ma ci ha insegnato tanto e ci ha fatto capire che cosa siamo in grado di fare. È stato molto bello quando finalmente abbiamo iniziato a lavorare con i piloti ufficiali del campionato e loro hanno iniziato a dire che la moto era buona, è stato un momento molto positivo per noi perché abbiamo potuto dire: “Ok, abbiamo lavorato un anno da soli ma abbiamo lavorato bene”. Naturalmente è stato difficile quando all’inizio abbiamo avuto il problema dell’incendio, che non era dipeso noi, ma che ci ha condizionato pesantemente. Non abbiamo potuto fare nulla per evitarlo, perché era stato causato dalle azioni di altri, ma ci ha colpito duramente. È stata dura, ma abbiamo dimostrato di essere in grado di gestire la situazione, di riprenderci e di recuperare il campionato. Quando abbiamo raggiunto l’obiettivo è stata una grande soddisfazione vedere che eravamo stati in grado di ricostruire tutto. Al Sachsenring, al momento del via del campionato, eravamo veloci come tre mesi prima, prima dell’incendio. Eravamo molto contenti; ogni volta che c’era qualcosa di estremamente difficile succedeva sempre qualcosa di estremamente positivo; quindi non posso dire che ci sia stato qualcosa di assolutamente difficile perché c’erano sempre anche tanti aspetti positivi”.

Un membro del team di Energica a supporto delle squadre della MotoE World Cup
Un tecnico del team di Energica a supporto delle squadre della MotoE World Cup

È stata una sorpresa quando Dorna vi ha contattati?
“Eravamo un’azienda molto piccola che cercava di fare il proprio lavoro. Eravamo convinti che Dorna fosse in contatto anche con altri produttori, con nomi famosi, ma in qualche modo non era così, perché eravamo solo l’inizio e non c’erano molte altre realtà in giro in grado di fare quello che chiedevano. Siamo rimasti sorpresi, ma d’altra parte, conoscendo il mercato, sapevamo che non c’erano molte altre opzioni, alcune opzioni ma non così tante. Quindi ci siamo detti: è ovvio che hanno bisogno di noi perché non ci sono altri tra cui scegliere. Dorna doveva scegliere e noi non avevamo grandi avversari”.

Dall’esterno sembra che una delle maggiori difficoltà sia stata quella di convincere le persone che questo campionato era una buona idea
“Non si può mai convincere solo con le parole, lo si può fare solo con i fatti. Quando abbiamo iniziato a correre e i piloti ufficiali e i professionisti hanno iniziato a rilasciare interviste, esprimendo le loro impressioni sincere, le loro opinioni, non le nostre, e dicendo che questa era una vera e propria moto da corsa e anche i team manager si sono detti molto soddisfatti di quello che abbiamo fatto le cose hanno iniziato a cambiare. Quando i veri piloti, i più grandi e i più importanti del mondo, hanno iniziato a parlare bene di noi, altre persone hanno iniziato a capire che questa moto era realtà. È impossibile convincere qualcuno da soli, ecco perché è stata una mossa strategica per noi, perché non eravamo solo noi a parlare di noi stessi, ma era qualcun altro di veramente credibile, professionale e riconosciuto in tutto il mondo a dire che c’erano veri produttori di moto elettriche da corsa e che queste erano autentiche gare e non solo uno scherzo. Non è un gioco, è tutto vero. E le gare sono state davvero interessanti, con vere e proprie battaglie in pista; a quel punto tutto è diventato realtà”.

MotoE World Cup 2022
Le foto della MotoE 2022

La prima gara è stata interrotta per un errore, una bandiera rossa sventolata precipitosamente da un commissario che si era spaventato. Col tempo abbiamo assistito a un grande cambiamento di atteggiamento. È rimasta sorpresa di come i piloti, le squadre e tutti si siano abituati a questa nuova realtà?
“Noi operavamo in un mondo a emissioni zero molto tempo prima di questa iniziativa e vedevamo come il mondo si muoveva a un ritmo molto veloce. Per noi è stato molto strano che il campionato abbia capito così tardi che il mondo elettrico era una realtà. Credo che si stessero riprendendo dal ritardo accumulato nei confronti del mondo reale, vivendo nel loro piccolo mondo. La comunità dei circuiti pensava che la realtà fosse tutta lì e poi ha iniziato a capire che non era così, che c’era un mondo molto più grande fuori e che stava cambiando molto più velocemente di loro ed era ora di mettersi al passo e di muoversi allo stesso ritmo del mondo reale. Credo che abbiano semplicemente visto la verità, i fatti, che le gare erano vere, che c’erano veri sorpassi, che c’erano sfide, che i piloti si comportavano in pista come in altre categorie e in altre gare professionistiche ed era una cosa vera, non un gioco”.

Quale pilota l’ha impressionata?
“Non posso… sai che sono tutti. Per molte ragioni ognuno di loro ha qualcosa di speciale, prima di tutto perché tutti loro si sono confrontati con qualcosa di completamente sconosciuto e si sono fidati di noi e di qualcosa che era completamente nuovo per loro. Hanno messo la loro vita nelle nostre mani. Vivo nel mondo delle corse fin da quando ero bambina, anche prima, quando ero nella pancia di mia madre, quindi i piloti, delle due o delle quattro ruote, sono molto importanti per me, perché stanno mettendo la loro vita nelle nostre mani. Si sono fidati abbastanza di noi da correre con la nostra moto; quindi ognuno di loro ha qualcosa di speciale perché noi eravamo la novità e non solo per la moto, ma anche come azienda e come persone, tutti nuovi. Non posso sceglierne uno solo: tutti loro sono fantastici!”.

Il via della prima gara della MotoE 2022 a Jerez
La partenza della prima gara della MotoE 2022 a Jerez

C’è un momento di una gara che ha giudicato incredibile?
“I top rider fanno continuamente azioni incredibili; non ricordo una cosa sola. Valentino ha fatto cose pazzesche molte volte; lo stesso vale per Marc. Sono appassionata di corse da quando ero dentro mia madre; ho guardato le gare in TV e poi da dentro il paddock fin da quando ero molto giovane. Credo che ogni pilota faccia qualcosa di fantastico, anche sulle quattro ruote”.

E in MotoE?
“La prima volta che le ho viste correre e le ho viste curvare, non potevo crederci. Anche se queste moto derivano dalla strada e sono state modificate per diventare moto da corsa, le curve erano incredibili. Sono stata molto contenta delle nostre moto”.

In 30 gare abbiamo visto un solo guasto, con Niccolò Canepa in Austria; quanto è orgogliosa di questo?
“In un certo senso anche questo è troppo, vogliamo sempre di più. Questo era uno dei nostri obiettivi, una delle sfide che avevamo: tutte le moto sono uguali fin dall’inizio, dalla prima fila in griglia all’ultima, è stato davvero importante per noi. Sono rimasta sorpresa di avere avuto un guasto anche se dopo quattro anni e non sono ancora sicura che sia imputabile a noi, dobbiamo vedere. In ogni caso è successo e in un certo senso doveva succedere, questo è il mondo delle corse, ogni volta che si fa qualcosa di nuovo e innovativo, e c’è ricerca, è normale avere dei guasti, cose da migliorare e così via, altrimenti è noioso. Ma come dicevo, vedremo se è stata colpa nostra”.

La MotoE del team Dynavolt IntactGP

Di solito sentiamo dire dai costruttori che le corse sono una piattaforma di prova, come è stato per Energica?
“Il problema è che noi abbiamo fatto l’esatto contrario. Siamo partiti dalla strada e abbiamo portato la tecnologia delle moto da strada sulla pista. L’unica caratteristica che abbiamo sviluppato in pista prima di passare alla strada è stata la nuova batteria. Avevamo già iniziato a lavorarci prima del 2019, ma lo sviluppo della nuova batteria per le moto da strada ha richiesto un processo di due anni e abbiamo deciso di portarlo prima sulle moto da corsa. Dovevamo farlo in un anno per essere pronti per le gare. Ciò che è interessante nelle corse, anche per le moto a benzina, per qualsiasi tipo di veicolo, è l’opportunità di testare in un luogo molto sicuro: su una pista da corsa, con piloti professionisti con un team che li assiste. È il modo più sicuro per testare novità estreme in condizioni estreme. Possiamo dire che questo accorcia i tempi di sviluppo. Purtroppo per noi, non avevamo più tempo per la batteria, mentre in tutti gli altri casi il nuovo materiale è stato sviluppato su strada e portato in pista. Per questo dico che è ora di andare avanti perché quando torneremo, se torneremo, voglio fare il contrario, sviluppare in pista e portare su strada come fanno i produttori di moto a combustione. Nel nostro caso era impossibile perché tutto lo sviluppo doveva svolgersi velocemente. Dovevamo sviluppare una moto in un anno e doveva essere basata sulle moto da strada”.

Deve essere orgogliosa di ciò che ha portato e dei cambiamenti che ha apportato. Lei ha anche spinto Enel X a sviluppare, Michelin a sviluppare, in un certo senso, ha dato il via anche a Ducati. Ha spinto il settore a fare un importante passo in avanti.
“Non sono mai soddisfatta di me stessa. Quindi non dirò mai di essere orgogliosa perché guardo sempre avanti. Ma lei ha ragione, e sono molto contento che abbiano guardato a noi e deciso di mettersi in gioco. Non ho paura di confrontarmi, ho paura di rimanere da sola perché quello non è un vero mercato. È positivo che alla fine altri abbiano guardato a quello che abbiamo fatto e abbiano capito che questo è reale, che la tecnologia ha iniziato a essere reale e che è arrivato il momento di unirsi alla partita.
Finalmente stiamo creando un vero mercato. Non lo stiamo facendo solo per la fama, per il potere o per i soldi; non ci abbiamo guadagnato; lo stiamo facendo perché voglio fare la mia parte per il pianeta, voglio fare qualcosa, e questo è ciò che stiamo cercando di fare. Stiamo cercando di convincere le persone che la moto elettrica è una tecnologia sostenibile ed è reale. La gente può fidarsi. Spero che altri produttori, dopo Ducati, raccolgano la sfida, perché in questo modo si creerà sempre più fiducia in questa tecnologia e ci sarà una vera e propria rivoluzione anche nel settore delle due ruote. Sono orgogliosa del fatto che alla fine abbiamo convinto grandi aziende ad aderire e questo convincerà la gente comune, le famiglie e i bambini che è arrivato il momento di andare avanti perché il pianeta deve cambiare rispetto a quello che è stato finora”.

La Energica Ego Corsa e sullo sfondo le stazioni di ricarica progettate da Enel X Way per la MotoE World Cup
La Energica Ego Corsa e sullo sfondo le stazioni di ricarica progettate da Enel X Way per la MotoE World Cup

Negli ultimi quattro anni abbiamo assistito a molti cambiamenti in Energica: dalla crescita del fatturato del 91% fino all’accordo con Ideanomics: quanto ha contribuito in tutto ciò la partecipazione nelle corse?
“Molto. Puoi parlare molto di te stesso, ma quello che gli altri dicono di te è più importante. Quando persone credibili parlano di te, questo è molto più importante. Per noi è stata un’ottima decisione, perché la MotoGP, l’intero business, l’intero mondo delle corse hanno dato visibilità a Energica e ai suoi investitori. Senza investitori e senza soldi non si va da nessuna parte. Se hai l’idea migliore del mondo, ma non hai i soldi per pagare le cose, per mettere in pratica le idee, è inutile. È stato davvero importante; ora abbiamo qualcuno che sostiene tutte le nostre idee e che le vuole trasformare in azioni e in fatti. Questa è l’unica cosa che conta.
Ora siamo in costante crescita nonostante la carenza di materiali, e non stiamo parlando solo di elettronica: ogni giorno c’è qualcosa di nuovo che manca. Questo influisce molto sulle vendite. Ma è l’attuale situazione internazionale, facciamo parte di un gioco molto più grande di noi”.

Quando si guarda indietro, ha dei rimpianti? Ci sono cose che vorrebbe fossero state fatte diversamente?
“All’inizio era tutto così difficile che penso che abbiamo già fatto un miracolo. Chiedere altri miracoli ai miei ragazzi sarebbe stato davvero impossibile. Se avessi avuto prima degli investitori e dei fondi, tutto si sarebbe potuto fare con anni di anticipo. Non li avevo, quindi abbiamo fatto il meglio possibile; abbiamo fatto miracoli. Quando abbiamo iniziato a lavorare in MotoGP eravamo circa 40 persone; ora siamo 130, siamo un’azienda diversa. Quando mi guardo indietro, vedo quello che abbiamo fatto nella produzione, nelle corse, tutto quello che abbiamo fatto… abbiamo sviluppato tre modelli, e all’epoca eravamo 20 persone”.

Lei ha accennato alla possibilità di tornare a partecipare al campionato, cosa servirà?
“Non c’è una formula perfetta, si tratta piuttosto di creare un vero campionato. Attualmente la MotoE è chiamata ‘Cup’ e non è solo perché ci sono poche gare, ma perché essendoci un unico costruttore significa che c’è sviluppo ma solo da parte di un’unica identità; quindi non ci sono vere sfide tecnologiche tra i costruttori in pista ma solo tra i piloti. Quello che vorrei vedere è una transizione verso un vero campionato con più costruttori e, se non per l’intero veicolo, per alcune parti come nella classe Moto2 o in altri campionati a quattro ruote. Vorrei che ci fosse un maggiore impegno da parte del campionato e dei costruttori per essere presenti, una sfida sul fronte della tecnologia, delle power unit o di parti delle power unit, del motore, del propulsore. Voglio vedere una crescita, deve diventare un vero banco di prova e al momento non lo è perché sfidiamo solo noi stessi. Vorrei sfidare altri costruttori, non so quanti, non c’è un numero minimo, l’obiettivo è vedere un miglioramento nella formula e anche nella visibilità.
Ora il campionato c’è, potrebbe diventare migliore dopo quattro anni di test, c’è più conoscenza su come promuoverlo e come ottenere un maggiore coinvolgimento da parte dei fan e dei media.
I media dovrebbero essere più propensi a farsi coinvolgere dall’elettrico, visto che finora non sono stati molto interessati. Probabilmente questa nuova categoria non è stata tanto promossa e sospinta e non era così interessante per i giornalisti, che non la vedevano e non la consideravano come una vera gara”.

Alessandro Brannetti e Loris Capirossi durante i test della MotoE a Misano nel 2018

“Devo dirlo non perché mi piaccia parlarne, ma perché mi è sembrato che i media non si siano impegnati come fanno con il campionato a benzina. Vorrei quindi che si migliorasse questo aspetto, per mostrare al pubblico che le moto elettriche sono generare vere e proprie corse sotto l’aspetto della promozione, dello sport e dello spettacolo. Spesso è stata più una promozione da parte nostra che non un interesse da parte dei media; il pubblico c’era e chi era interessato era collegato, ma chi non era così informato o cercava informazioni sul programma di gara era quasi impossibile sapere che c’è una gara. In Italia quasi non si sa che c’è una gara dopo la MotoGP. Spesso ci hanno chiesto quando c’era la gara. Non solo in Italia, ma anche in tutto il mondo. I nostri concessionari ci chiedevano se c’era un campionato e quando dicevamo che era in corso già da quattro anni, ci hanno chiesto dove…
Non è così con la MotoGP o la Superbike; vorrei che ci fosse visibilità, altrimenti è utile solo per lo sviluppo, ma non è un business”.

“So che Dorna sta facendo delle cose, ma io ho parlato con loro solo in relazione alle gare. Ho già abbastanza da fare con la mia attività. Loro sono i migliori, quindi so che possono farlo se vogliono, infatti hanno già iniziato con l’elettrico. In italiano si dice essere “Lungimiranti”, il che significa che guardano al futuro molto più di chiunque altro. Ci hanno messo la faccia, con un brand importante su questo progetto, sono stati davvero straordinari, ma ora dobbiamo fare il passo successivo. Capisco di non essere paziente e di volermi muovere più velocemente di chiunque altro intorno a noi, mentre loro sono più prudenti, ma va bene così perché hanno un’attività molto grande di cui occuparsi. Ma io devo mettere fretta a tutti perché la moto elettrica è il mio mondo. Quindi so che lo faranno e voglio tornare quando lo faranno”.

Dopo questo weekend di Misano, avrete molte moto da corsa senza una missione
“No, hanno una missione”, dice sorridendo. “Stiamo lavorando su diverse idee; abbiamo iniziato circa due anni fa. Stiamo cercando di capire quale sia l’opzione migliore; abbiamo avuto molte richieste e molte opportunità, e vogliamo scegliere la migliore, non solo per le moto da corsa ma soprattutto per l’azienda e lo sviluppo del mercato. La MotoGP è stata fondamentale per farsi conoscere e convincere altri a partecipare al gioco; questo è stato fatto. Ora facciamo lo stesso per fare qualcos’altro, magari in altri mercati, magari in altri settori. Abbiamo anche creato una business unit all’interno di Energica, per poter lavorare con altre industrie. Stiamo utilizzando il nostro know-how per acquisire altro know-how nel settore aeronautico, agricolo e in altri settori industriali. Ci sono molte idee sul tavolo”.

Da dove nascono tutte queste buone idee?
“Mi piace fare attività sportive e viaggiare; ho bisogno di conoscere persone diverse da me. Mi piace parlare con persone con idee diverse, con culture diverse. Prendo ispirazione da cose completamente opposte a me, il che è sempre molto utile. Ti fa crescere. Viaggiare ed entrare in contatto con le persone è sempre molto importante per me”.

Lei viene spesso paragonata a Elon Musk.
“Lui è un ragazzo estremamente intelligente e sarebbe fantastico essere come lui, ma, d’altra parte, io sono di Modena, che è il luogo di Enzo Ferrari, e questo si riflette sui miei valori. Diciamo che mi fa molto piacere essere considerato simile a lui, ma preferisco i miei valori, non perché non mi piaccia, ma perché sono di qui. Credo di essere più simile a quelle persone (**n.d.r.: Enzo Ferrari e altre figure chiave della Motor Valley italiana) nelle cose brutte e in quelle belle. Enzo aveva delle ombre e io ho le mie. Credo di essere più simile a persone come lui (Enzo)”.

La creatività deve essere una parte molto importante della sua vita.
“Ogni volta che hai qualcosa che non capisci come risolvere e devi prendere una decisione, ma non hai abbastanza informazioni per prenderla, devi essere creativo. Perché magari non hai gli strumenti, non hai nulla che ti aiuti a prendere una decisione, ma devi prenderla, cosa che a me capita mille volte al giorno, lì la creatività entra in gioco e devo usarla. In Italia diciamo che bisogna avere naso per sentire dov’è la strada giusta.
Quando abbiamo iniziato, nessuno faceva moto elettriche seriamente, e ora stiamo cercando di fare cose che nessuno fa, perché è difficile fare moto, che sono piccole e leggere; è molto difficile trovare spazio a tutta quella roba tra le gambe di una persona. È la stessa sfida delle moto a benzina. Credo che in questo caso la creatività sia molto importante, quando si deve prendere una decisione senza avere tutte le informazioni”.

È difficile non parlare di Livia Cevolini come fonte di ispirazione. È leader nel suo settore, alla guida di un team di persone innovative, che affrontano continuamente tante sfide. Quando le si dice che è fonte d’ispirazione, lei quasi lo ignora, ma dimostra ancora una volta che la sua missione è molto più grande di creare belle gare e riguarda il futuro delle prossime generazioni.
“Spero solo che alcune persone capiscano che possiamo fare molto di più di quanto pensiamo. Quando sono tornato dal primo incontro con Dorna, ho detto ai miei ragazzi “Faremo la MotoE” e loro mi hanno risposto che ero completamente pazza: “Non la faremo mai, non siamo in grado di farlo”. Io risposi: “No invece, sarete proprio voi a farlo, non io. Lo farete perché siete in grado di farlo”. E poi, ogni volta che pensavano che fosse un compito impossibile, dicevo loro che anche quando era così, era importante provarci. Cominciamo, e troviamo la strada. Ho spinto le persone a fidarsi di più di sé stesse, il che è fondamentale, soprattutto nel settore dei veicoli elettrici. Dobbiamo dare una possibilità alle nuove tecnologie anche se ci sono molti ostacoli.
Quello che ho scoperto parlando soprattutto con i giovani è che hanno paura di osare. Sono attenti a tutto. Non è un male, è importante, ma serve essere eccessivamente prudenti quando si osa? Perché essere così trattenuti? Avete solo paura ed è inutile se non fate nulla di strano o di diverso”.

“Questo è un messaggio che cerco di trasmettere ai giovani. Capisco che abbiano dovuto attraversare periodi difficili dell’economia quando hanno iniziato la scuola o la carriera durante la grande crisi economica come me e ora con il Covid. Ci sono molte cose troppo grandi per loro, lo capisco, ma questo non deve cambiare il loro comportamento, qualunque cosa accada intorno a te, tu sei il primo, non puoi rimanere nella tua zona di comfort e non cambiare mai o fare qualcosa di nuovo. Quali sono le ragioni per cui siete lì? Cosa state facendo? Siete lì e basta? Sopravvivi? Non state vivendo, siete solo lì. Non sei utile, forse sei felice, ma sei inutile per il mondo, per il pianeta, per la società per tutti. Quindi se sei una persona che vuole provare di più, prova!”.

Parli come certi piloti
“È completamente diverso perché nel loro caso stanno davvero rischiando la vita. Forse dovremmo parlare con quelli più giovani perché stanno rischiando, cercando di uscire dagli schemi, dalla loro zona di comfort e cercando di fare qualcosa in più. Questo è ciò che amo vedere e che ora non sta accadendo nella cosiddetta “vita normale”. La lezione dovrebbe essere: cerchiamo di coinvolgere di più le personalità dello sport che si sfidano sempre a fare di più e facciamo parlare più spesso i giovani con loro. I fatti e le azioni sono più forti delle parole. Ma la gente non è in grado di ascoltare e di osservare, sospende il tempo sui social media parlando di cose stupide invece di guardare questi ragazzi che fanno la differenza. I piloti stanno facendo delle cose anche se non ne parlano, stanno facendo più di altri”.

“Volevo solo attirare l’attenzione delle persone su questo problema. Sono molto contento che la Ducati si sia unita a questo sforzo e a questo campionato, perché è la realtà giusta. I loro clienti sono i più esigenti, quindi saranno il marchio giusto per convincere molte persone. Dorna sarà costretta in un certo senso a dare maggiore visibilità, dato che è coinvolto un grande marchio; quindi è un bene per l’intero campionato e per il mondo dei veicoli elettrici. È come quando Harley-Davidson ha iniziato a vendere moto elettriche, perché si trattava di un grande produttore che entrava in gioco. Sebbene sia un’ottima notizia per noi, in quanto potrebbe significare che il campionato sta crescendo, mi dispiace che fino al 2026 il campionato sarà ancora con unico produttore, perché è un periodo lungo. Forse le cose inizieranno a cambiare e noi continueremo a prestare attenzione a questo aspetto”.

Lucio Cecchinello con il suo team in MotoE, dopo la doppietta nel GP d’Austria

Livia si rifiuta di dire per chi tifa, come è comprensibile, ma prima di tornare alla sua giornata intensa parliamo della classifica del campionato, di Aegerter e Granado.
“Quando ho visto l’ultima gara sono stata molto contenta per Lucio, perché è una bravissima persona, e per me è ancora più bello, perché mi sembra che la ruota stia girando”, spiega e si percepisce quanto sia emozionante per lei. “Lucio era molto amico di mio padre e vederlo vincere con la nostra moto è stato davvero fantastico. È strano, sembra un destino. Abbiamo iniziato come azienda a lavorare con Lucio sulla sua Aprilia nel 2004 e 2005 per le sue moto da corsa a benzina prima di iniziare a sviluppare le moto elettriche nel 2009”.

“Questo fine settimana sarà l’ultimo capitolo: sarà importante da un lato e triste dall’altro. Spero che mio padre, che era davvero innamorato delle corse e ha trasmesso questo amore a me e a mio fratello, sia contento di quello che abbiamo fatto con l’azienda. Spero che in qualche modo ci guardi da lì e dica: “Ben fatto. Va bene così”.
Ne siamo certi.

Foto: Energica Motor Company

Per essere aggiornato sulla MotoE World Cup, iscriviti al broadcast Whatsapp di Epaddock e ricevi sul tuo cellulare in tempo reale tutte le nostre notizie: scopri qui come.

EnglishItalianSpanishIndonesian